IL GREEN NEW DEAL E IL PIANO D'AZIONE PER L'ECONOMIA CIRCOLARE DELL'UE

2A GROUP desidera illustrare i punti principali della rivoluzione sostenibile intrapresa dall’Unione Europea con l’approvazione a gennaio 2020 del Green New Deal.

Si tratta di un ingente piano di investimenti per combattere l’emergenza climatica e raggiungere l’obiettivo dell’impatto zero entro il 2050.

Per la prima volta una legge, vincolante per tutti i Paesi UE, pone la sfida ambientale al centro del rilancio dell'economia e del mondo del lavoro e inserisce la sostenibilità al centro del modo in cui verranno operati gli investimenti.

COSA E’ IL GREEN NEW DEAL
E’ nuova strategia europea per la crescita che consentirà di ridurre le emissioni, rilanciare i prodotti europei e creare nuovi posti di lavoro.

GLI OBIETTIVI

  • rendere l’UE climaticamente neutra entro il 2050
  • favorire una transizione equa e giusta verso un’economia sostenibile
  • rilanciare l’economia e i prodotti europei
  • stimolare l’innovazione e creare nuovi posti di lavoro
  • mettere la sostenibilità al centro degli investimenti

I PAESI COINVOLTI
Tutti i Paesi dell'Unione Europea saranno coinvolti in questa rivoluzione verde. Il significato del Green New Deal, infatti, è iniziare un cammino comunitario verse le emissioni zero.

I SETTORI COINVOLTI
I settori che saranno obbligatoriamente coinvolti dal Piano sono:

  • settore energetico, che rappresenta il 75% delle emissioni inquinanti
  • tutto il sistema di produzione industriale, che dovrà rinnovarsi per diventare leader nell’economia verde
  • sistema dei trasporti e della mobilità, responsabili per il 25% delle emissioni di GHG
  • edilizia, favorendo la costruzione di nuovi edifici abitativi e la manutenzione di quelli esistenti in un’ottica di risparmio energetico e delle risorse

IL PIANO DI INVESTIMENTI UE
Per raggiungere la neutralità climatica dell’Europa sarà avviato un complesso e ingente piano d’investimenti in grado di mobilitare oltre 1.000 miliardi di euro nei prossimi 10 anni per la necessaria riconversione economica, produttiva e del mondo del lavoro.

Il motore finanziario del Patto sarà il Meccanismo di transizione equa che si baserà su 3 canali principali di finanziamento:

  • un apposito Fondo UE che potrà essere integrato con i contributi provenienti dal fondo sociale europeo Plus, dal fondo europeo di sviluppo regionale e da eventuali risorse nazionali
  • InvestEU un programma comunitario già esistente che potrà muovere fino a 279 miliardi di euro tra fondi pubblici e privati da indirizzare esclusivamente a progetti ambientali e climatici.
  • Un sistema di prestito a favore del settore pubblico con il sostegno della Banca Europea per gli Investimenti

LE RISORSE PER L’ITALIA
Il primo canale di finanziamento visto, il Fondo Green New Deal, metterà a disposizione 7,5 miliardi di euro che verranno distribuiti nei vari Paesi UE in base alle necessità economiche di ognuno per raggiungere la neutralità. Secondo i primi dati, Bruxelles ha stimato la quota destinata all’Italia in 364 milioni di euro in 10 anni.

LE AZIONI
Tra le azioni chiave illustrate nella tabella di marcia dell’ambizioso programma del Green Deal Europeo c’è anche quella relativa al Piano d'azione per l'economia circolare, che prevede un uso sempre più efficiente e circolare delle risorse grazie a:

  • il ricorso alla progettazione ecocompatibile applicato alla più ampia gamma di prodotti, nel rispetto dei principi di circolarità
  • il miglioramento durabilità, riutilizzabilità e riparabilità
  • l'aumento del contenuto riciclato, garantendone le prestazioni e la sicurezza
  • la riduzione delle impronte carbonio e ambientale
  • la limitazione dei prodotti monouso e la lotta contro l'obsolescenza prematura
  • l'introduzione del divieto di distruggere i beni durevoli non venduti
  • la promozione del modello "prodotto come servizio" o di altri modelli in cui i produttori mantengono la proprietà del prodotto o la responsabilità delle sue prestazioni per l'intero ciclo di vita
  • la mobilitazione del potenziale di digitalizzazione delle informazioni relative ai prodotti: passaporti, le etichettature e le filigrane digitali
  • un sistema di ricompense destinate ai prodotti in base alle loro diverse prestazioni in termini di sostenibilità, anche associando i livelli elevati di prestazione all'ottenimento di incentivi.

Il cronoprogramma delle principali azioni previste è consultabile nell'allegato sotto.. 

 COSA POSSIAMO FARE PER VOI
2A GROUP ha al proprio interno un team specializzato, competenze multidisciplinari e una decennale esperienza con importanti referenze che la rendono il partner ideale per accompagnare ogni realtà nel proprio percorso verso la sostenibilità e affrontare le sfide di un’economia volta all’eco-innovazione e alla lotta ai cambiamenti climatici. 

Post recenti